Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino
Seguici su:

Proverbi raccontati da Oreste Rey


clicca per ascoltare l'audio

La matinà l’î la maiřë dlä jurnà.

La mattinata è la madre della giornata (occorre lavorare al mattino per rendere di più).


clicca per ascoltare l'audio

Lä fän i fai surtî ‘l lu du bô.

La fame fa uscire il lupo dal bosco.


clicca per ascoltare l'audio

‘l lu u fai pâ d’anhòu.

Il lupo non fa agnelli.


clicca per ascoltare l'audio

Lä vënta batt ‘l fêrë tandisk u l’î chòu.

Bisogna battere il ferro finché è caldo.


clicca per ascoltare l'audio

Chak chozä a sun tën.

Ogni cosa a suo tempo.

Salbertrand. Foto d'epoca. clicca per ingrandire. Il link aprir&agrave una nuova finestra del browser


clicca per ascoltare l'audio

Brüt ën fàisä bel ën dänsä.

Brutto in fascia bello nella danza.


clicca per ascoltare l'audio

‘l Bundiù u pàia târ ma u pàia lâr.

Il Buon Dio paga tardi ma paga largamente.


clicca per ascoltare l'audio

Jû creisën fréi cuiën.

Giorno crescente freddo cuocente.


clicca per ascoltare l'audio

Sent’Antoni n’ura boni.

Sant’Antonio un’ora buona (a Sant’Antonio, 17 gennaio, il giorno si è allungato di un’ora rispetto al solstizio d’inverno).

Salbertrand. Foto d'epoca. clicca per ingrandire. Il link aprir&agrave una nuova finestra del browser

Patrun dlä fréi: Sen Muřisse Sent’Antuanne Sen Bastiën Sen Vinsën

I Santi patroni del freddo:
San Maurizio (15 gennaio)
Sant’Antonio (17 gennaio)
San Sebastiano (20 gennaio)
San Vincenzo (22 gennaio)

Can lä cukettä i bà lu veři dlä femèträ dl’itabbli lä ribbä ël muvê tën (lä néä).

Quando lo scricciolo batte ai vetri della finestra della stalla arriva il cattivo tempo (la neve).

Sent’Urs: se l’urs u bittä fořä sä palhä, lä turnä acumensâ l’ivêr. Cla nivořä l’iver sen fořä.

Sant’Orso (1º febbraio): se l’orso mette fuori la paglia (cioè ad asciugare il suo pagliericcio),
inizia di nuovo l’inverno. Se è nuvoloso siamo fuori dall’inverno.

Chandieřuzä dinâ ‘d n’ipuzä.

Candelora pranzo di sposa (alla Candelora, 2 febbraio, il giorno si è allungato del tempo
sufficiente per un banchetto nuziale).

Chandieřuzä meità palhä meità fenuzä.

Candelora metà paglia metà fieno (per la Candelora il consumo delle scorte invernali di
foraggio è ormai ridotto a metà; per giungere all’epoca del pascolo occorrerà ancora avere
foraggio sufficiente).

A l’Anunsià adiö a lä vilhà. Ma se ün l’a pâ finì u fai encà ‘nä füzà.

All’Annunziata (25 marzo) addio alla veglia. Ma se uno non ha terminato può ancora filare un fuso
di lana.


Salbertrand. Foto d'epoca. clicca per ingrandire. Il link aprir&agrave una nuova finestra del browser

A l’Anunsià ‘l curbà u s’icun din ël blà.

All’Annunziata il corvo si nasconde nella segale (la segale dovrebbe essere già alta tanto da coprirlo).

Mars u l’à encâ 29 nevatà.

Marzo ha ancora 29 nevicate.

Sen Jorj sümèinä tun orj, a Sen Mar l’I tro tar.

Per San Giorgio (23 aprile) semina il tuo orzo, a San Marco (25 aprile) è troppo tardi.

S’lä plòu a l’Armuřivä tu’ l’än n’ën deziřä.

Se piove la Domenica delle Palme tutto l’anno desidererà acqua.

Paca seřéina éipia pléina, paca molla éipia folla.

Pasqua serena spighe piene, Pasqua molle spighe folli.

Lä ventä pa k’lä turnéiřeř diřan dlä fetä dlä Crû e apré l’ezaltasiun dlä Crû.

Non deve tuonare prima della festa della Croce (3 maggio) e dopo l’Esaltazione della Croce (14 settembre).

A Sent’ürbàn l’i encâ a tën jařâ vin e pän.

A Sant’Urbano (25 maggio) fa ancora a tempo a gelare il vino e il pane.

Se Sentä Petrunilla i bannhä sa ghinilhä lä düra 40 jû; ma Sen Medar u difai lä planettä ‘d Sentä Petrunilla.

Se Santa Petronilla (31 maggio) si bagna le vesti, dura 40 giorni; ma San Medardo (8 giungo)
disfa i piani di Santa Petronilla.


clicca per ascoltare l'audio

Mèia d’òu l’iver s’imòu.

A metà agosto si muove l’inverno.

‘ma lä fai ël darî d’òu lä marca ël tën dl’utën.

Il tempo che c’è l’ultimo giorno d’agosto segna il tempo dell’autunno.


clicca per ascoltare l'audio

A Sen Bartulumiun lèisa l’àigä au riun.

A San Bartolomeo (24 agosto) lascia l’acqua al ruscello (non irrigare più).

A Senta Catlinä lä féä i vô ‘d dinä e ‘d sinä.

A Santa Caterina, la pecora vuole pranzo e cena (si comincia a tenere le pecore nella stalla
anche durante il giorno e occorre foraggiarle due volte non uscendo più al pascolo).

Se lä plòu a Sentä Bibianä lä plòu cařantä jû e ‘nä semanä; ma Sentä Barbä i po rumpe lä planettä.

Se piove a Santa Bibiana (2 dicembre), piove per quaranta giorni e una settimana;
ma Santa Barbara (4 dicembre) può stravolgerne il piano.

Ël jû ‘d Tusen l’i ‘nä buèinä. L’î ‘n jû d’armarcä.

Il giorno di Tutti i Santi (1º novembre) è una pietra di confine. È un giorno che segna il tempo.

Chařenda juò Paca fiò.

Natale al gioco, Pasqua al fuoco (se è bello il Giorno di Natale, a Pasqua farà freddo).