Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino
Seguici su:

Canzoni

Cansùn

 

L’inno occitano

La canzone Se Chanto (o Se Canto) è considerata unanimemente l’inno della “nazione occitana”.
Si tratta di una canzone d’amore che si riallaccia alla nobile tradizione del canto trobadorico, vanto della storia e della letteratura non solo occitana ma mondiale. Esistono diverse versioni di questo canto; ne riportiamo di seguito alcune.

Versione eseguita dal gruppo musicale Lou Dalfin, riportata nella grafia detta “classica” o “etimologica”:

Se Chanto
Devant de ma fenestro ia un auzeloun
Touto la nuech chanto, chanto sa chansoun.
Se chanto que chante, chanto pa per iou
Chanto per ma ‘mio, qu’es da luenh de iou.
Aquelos mountanhos que tan aoutos soun
M’empachoun de veire mes amour ount soun.
Baisà-vous mountanhos, planos levà-vous
Perquè posque veire mes amour ount soun.

Se canta
Davanti alla mia finestra c’è un uccellino
Tutta la notte canta, canta la sua canzone.
Se canta che canti, non canta per me
Canta per la mia amica, che è lontana da me.
Quelle montagne che sono così alte
M’impediscono di vedere dove sono i miei amori.
Abbassatevi montagne, pianure alzatevi
Perché io possa vedere dove sono i miei amori.


 

Versione eseguita dalla corale Ange Gardien, riportata in grafia provenzale:

Se canto
Se canto, que cante.
Canto pas pèr iéu:
canto pèr ma mio,
qu’es au luen de iéu.
A la fount de Nimes
li a un auceloun;
touto la nue canto,
canto sa cansoun.
Dessouto ma fenèstro
li a un amendié
que fa de flour blanco
au mes de Janvié.
Aquéli mountagno,
que tant auto soun,
m’empachon de vèire
mis amour ount soun.
Auto, bèm soun auto;
mai, s’abaissaran,
e mis amoureto
vers iéu revendran.

Se Canta
Se canta, canti pure.
Non canta per me:
canta per la mia amica,
che è lontana da me.
Alla fontana di Nîmes
c’è un uccelletto;
tutta la notte canta,
canta la sua canzone.
Sotto la mia finestra,
c’è un mandorlo
che fa dei fiori bianchi
nel mese di gennaio.
Quelle montagne,
che sono così alte,
mi impediscono di vedere
dove sono i miei amori.
Alte, sono ben alte;
ma si abbasseranno,
e miei amori
ritorneranno a me.


 

S’u chantä
Traduzione di Oreste Rey nel patois di Salbertrand

Deran ‘d ma fenêträ la lh’à n’üslin
Tuttä lä nöü u chantä, u chantä sa chansun.
S’u chantä k’u chante, u chantä pa pär mi
u chantä pär mun amur k’u l’î alön da mi.
K’la muntannha k’la sun tan outa
La m’leisan pa veiřë ‘nt’i sun mun-z-amur.
Abeisòu muntännha alvòu planüřa*
Parké a** pöcchë veiřë ‘n t’i sun mun-z-amur.

* Il termine planüřa non è utilizzato nel patois locale, potrebbe essere sostituito con granda plana, qui è stato mantenuto per ragioni metriche.

** Oppure: Pär k’a.


 

Qui nella chiesa

Isì din lä glèizä
Chansùn än patuà äd Salbelträn
Icritä dä Clelia Baccon
Ařanjà du directör Pietro Mussino

Isì din lä glèizä, ensän bu mun vör,
mi a T’pënsu, mi a créiu, o mun Sinhur.
L’azar u l’i gran,
e u s’portä d’aprê durû, peinä e turmën.

Ma a siu din tä män, o Bundiù du Sê.
Prutejjä mä vittä, mä terä e mä jën.
Lä fuà i parlä isì din mun cör:
mi a T’sëntu, mi a priu, o mun Sinhur.

Qui nella chiesa
Canto in patois di Salbertrand
Testo e musica di Clelia Baccon
Armonizzazione di Pietro Mussino

Qui nella chiesa, insieme ai miei antenati,
Ti penso e credo in Te, o mio Signore.
Il destino è imprevedibile,
e porta con sé dolore, pena e tormento.

Ma io sono nelle Tue mani, Signore del Cielo.
Proteggi la mia vita, la mia terra e la mia gente.
Las fede parla dentro il mio cuore:
Ti sento e Ti prego, o mio Signore.


 

salbertrand_paesemio salbertrand_munpai paesemio_spartito


 

La tosatura

Canzone registrata da Renato Sibille dalla voce di Maria Antonietta Alliaud di Cesana nell’anno 1987.
Versione eseguita dalla Corale Ange Gardien, riportata con la grafia proposta da Luigi Onorato Brun.

La tound
A toundou, a toundou la fea
e moun moutoun.
Loun toundaire i soun partì,
loun lavaire i soun ribà.
A lavou, a lavou la lana
‘d moun moutoun.
Loun lavaire i soun partì,
loun secciaire i soun ribà.
A secciou, a secciou la lana
‘d moun moutoun.
Loun secciaire i soun partì,
loun cardaire i soun ribà.
A cardou, a cardou la lana
‘d moun moutoun.
Loun cardaire i soun partì,
loun fiaraire i soun ribà.
A fiarou, a fiarou la lana
‘d moun moutoun.
Loun fiaraire i soun partì,
loun tissaire i soun ribà.
A teissou, a teissou la lana
‘d moun moutoun.
Loun tissaire i soun partì,
loun tahliaire i soun ribà.
A talhou, a talhou la lana
‘d moun moutoun.
Loun talhaire i soun partì,
loun frutaire i soun ribà.
A fruttou, a frouttou la lana
‘d moun moutoun.
Loun fruttaire i soun partì,
loun strasaire i soun ribà.
A strasou, a strasou la lana
‘d moun moutoun.

La tosatura
Toso, toso le pecore
e i miei montoni.
I tosatori sono partiti,
i lavandai sono arrivati.
Lavo, lavo la lana
dei miei montoni.
I lavandai sono partiti,
gli essiccatori sono arrivati.
Essicco, essicco la lana
dei miei montoni.
Gli essiccatori sono partiti,
i cardatori sono arrivati.
Cardo, cardo la lana
dei miei montoni.
I cardatori sono partiti,
i filatori sono arrivati.
Filo, filo la lana
dei miei montoni.
I filatori sono partiti,
i tessitori sono arrivati.
Tesso, tesso la lana
dei miei montoni.
I tessitori sono partiti,
i sarti sono arrivati.
Taglio, taglio la lana
dei miei montoni.
I sarti sono partiti,
coloro che logorano sono arrivati.
Logoro, logoro la lana
dei miei montoni.
Coloro che logorano sono partiti,
gli straccivendoli sono arrivati.
Straccio, straccio la lana
dei miei montoni.

 


clicca per ascoltare l'audio

Ascolta un estratto della canzone Se Chanto (o Se Canto) (nella versione eseguita dal
gruppo musicale Lou Dalfin)


clicca per ascoltare l'audio

Ascolta un estratto della canzone Se canto nella versione eseguita dalla corale Ange Gardien

Versione eseguita dalla corale Ange Gardien, riportata in grafia provenzale:


clicca per ascoltare l'audio

Ascolta la lettura del testo della canzone S’u chantä fatta da Oreste Rey.


clicca per ascoltare l'audio

Ascolta un estratto della canzone Isì din lä glèizä (nella versione eseguita dalla Corale Ange Gardien)


clicca per ascoltare l'audio

Ascolta un estratto della canzone La tound (nella versione eseguita dalla Corale Ange Gardien)